Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera giunta in redazione

____________________________

Pubblici concorsi e non sanatorie.
Lettera aperta al Ministro per le Riforme e l'Innovazione nella Pubblica Amministrazione Luigi Nicolais

 

Onorevole Ministro Nicolais,

La legge finanziaria in discussione prevede l'assunzione di personale attualmente impiegato con contratti atipici, a condizione che presti servizio da un congruo numero di anni e sia stato assunto "mediante procedure selettive di natura concorsuale". È ingiusto però che tali procedure per contratti a tempo determinato possano essere messe sullo stesso piano di un concorso per accedere stabilmente alla Pubblica Amministrazione.

È apprezzabile la volontà di porre fine all'impiego di personale precario nella P.A., ma quanto disposto dal disegno di Legge finanziaria si configura come una risposta sbagliata a un problema reale, come una sanatoria che per far cessare un'ingiustizia ne genera un'altra. Bisogna seguire una logica diversa dall'alternarsi di precariato a oltranza e di assunzioni generalizzate, entrambi fenomeni deprecabili che si alimentano a vicenda.

Una sanatoria introdurrebbe infatti inaccettabili elementi di discriminazione nei confronti di tutti quei cittadini e cittadine che
lavorano in condizioni spesso altrettanto precarie e che si vedrebbero preclusa persino la possibilità di accedere ad un pubblico concorso.

Solo l'utilizzo di concorsi pubblici e trasparenti, con adeguata valorizzazione dei titoli e delle competenze, può garantire il reclutamento dei più meritevoli e dei più capaci, favorendo così il buon andamento e la massima efficienza della Pubblica Amministrazione.

Pertanto si chiede che:

- sia stralciato l'articolo che prevede la sanatoria del personale con contratti atipici in servizio presso la P.A.

- si stabilisca un limite al blocco del turn over con l'immissione di nuovo e qualificato personale 

- vengano indetti concorsi che assicurino la pubblicità dei meccanismi di selezione

- che tali concorsi, oltre a tenere nel debito conto l'eventuale esperienza pregressa maturata in servizio presso la P.A., valutino anche altri possibili titoli e competenze specifiche

Con i migliori saluti

http://ppdp.storicidellarte.org