Francesco Sansovino,
Le cose meravigliose dell'inclita città di Venezia riformate, accomodate, e grandemente ampliate da Leonico Goldioni, Venezia, Domenico Imberti, 1603,
Ristampa anastatica dell'esemplare conservato presso la Biblioteca Nazionale Marciana di Venezia,
Napoli, Liguori Editore, 2003, pp. 256, € 28,50.

 

L'enorme fortuna di questa prima "guida" di Venezia è testimoniata dalle 39 edizioni fra ristampe e rifacimenti uscite tra XVI e XVII secolo. Questa ristampa si inserisce nell'ambito del Progetto Tesauro. Si tratta perciò di una ristampa praticamente di tipo anastatico, priva di apparati di commento se non delle informazioni di carattere bibliografico. Tuttavia il pregio è quello di rendere disponibile una importante testimonianza della Venezia che si presentava agli occhi di un visitatore del primissimo Seicento.

Si rendono tuttavia necessarie due righe di presentazione della Rete Tesauro, nell'ambito della quale è stato pubblictao questo libro. Rete Tesauro è infatti un sistema tecnologico ed organizzativo che collega la Liguori Editore con la Biblioteca Nazionale Vittorio Emanuele III di Napoli, la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma, la Biblioteca Angelica di Roma, la Biblioteca Nazionale Marciana di Venezia e il Servizio Bibliotecario Nazionale, con il fine di tutelare e diffondere il patrimonio librario del XVII secolo attraverso lo sviluppo di metodologie innovative e la crazione di una biblioteca digitale. La casa editrice riceve da ogni biblioteca partner i testi scansiti pronti per la lavorazione a livello editoriale, e invia le richieste di lavorazione sui testi avanzate dagli utenti tramite il sito web.

La Rete Tesauro, inoltre, è strutturalmente integrata con la rete del Servizio Bibliotecario Nazionale, così che il catalogo della Biblioteca Digitale Tesauro si integra con il catalogo di SBN. La complessa architettura della Rete Tesauro offre inoltre servizi di trasferimento file e consente l’e-commerce di un numero potenzialmente infinito di libri sia in formato elettronico sia in formato cartaceo.

Red.
(12 mar 2004)


Vai al sito web dell'editore

Visita il sito del Progetto Tesauro