«Architetto sia l'ingegniero che discorre». Ingegneri, architetti e proti nell'età della Repubblica,
a cura di Giuliana Mazzi e Stefano Zaggia, Venezia, Marsilio Editori ("Saggi"), 2004, pp. 368, 107 ill. b/n, € 40.00.


Indice

Giuliana Mazzi
«Una cosa ben'aggiustata e che s'accosti alla perfezione»

Andrea Bona
Dionisio da Viterbo: ingegnere della Repubblica di Venezia nel XV secolo

Giuseppe Bonaccorso
Carlo Fontana e la didattica tecnica: regole e consigli per "gli apprendisti" negli scritti di architettura

Martina Frank
I proti veneziani del Seicento: considerazioni su vicende private e istituzionali

Silvia Moretti
«Fondamenti sodi et non pensier vani»: Giuseppe Benoni ingegnere e architetto tra Venezia e Friuli nella seconda metà del XVII secolo al servizio della Dominante

Roberta Pellegriti
La ricostruzione del soffitto della chiesa dell'Ospedale di San Lazzaro dei Mendicanti

Maria Teresa Sambin De Norcen
«Prencipe dell'edificare»: la gerarchia professionale nell'Idea di Vincenzo Scamozzi

Elena Svalduz
Al servizio del magistrato. I proti alle acque nel corso del primo secolo d'attività

Filippo Toso
Paolo Da Castello «proto et inzegnero»

Filippo Toso
Michele Leoni

Stefano Zaggia
Ruoli e competenze dei "periti pubblici" in ambito veneto. Nota su alcune fonti (secoli XVI-XVIII)

Indice dei nomi

Indice dei luoghi

 


Vai al sito web dell'editore