Mantegna e Roma. L'artista davanti all'antico,
a cura di Teresa Calvano, Claudia Cieri Via, Leandro Ventura,
Roma, Bulzoni Editore, 2010, pp. 712, ill. b/n, € 50,00.

 

Roma, centro dell’antico, ha costituito il riferimento ideale della ricerca di Andrea Mantegna fin dalle sue prime opere giovanili, dagli affreschi Ovetari al San Sebastiano di Vienna, alle opere della maturità, dalla Camera picta, al San Sebastiano del Louvre per arrivare ai monumentali teleri con il trionfo di Cesare, dove l’esplicita ambientazione romana costituisce lo sfondo del corteo trionfale del console romano in seguito alla conquista della Gallia secondo l’antica tradizione. Ma Roma è anche il teatro dell’introduzione del culto del Cibele nella città eterna: il commovente monocromo per lo studiolo di Francesco Cornaro, che si conserva alla National Gallery di Londra.

Questo volume raccoglie i saggi degli studiosi che, in occasione del convegno svoltosi a Roma (8-10 febbraio 2007), si sono confrontati con Mantegna davanti all’antico, ma anche con la sua fortuna nelle prospettive di ricerca che sono state promosse in occasione del quinto centenario della morte dell’artista padovano avvenuta nel 1506.

 


Indice

 

Introduzione

Teresa Calvano, Claudia Cieri Via, Leandro Ventura
L’artista davanti all’antico

 

I. Mantegna e l’Antico

Antonio Giuliano,
Mantegna e l'antico

Giulio Bodon,
Sul ruolo dell’antico nell’arte di Mantegna agli esordi

Maria Agata Pincelli,
La Roma triumphans di Biondo Flavio e Mantegna

Matteo Mancini,
Andrea Mantegna e il Codex Escurialensis: una proposta di lavoro

Antonio Iacobini, Gennaro Toscano,
«More graeco, more latino»: Gaspare da Padova e la miniatura all'antica a Roma

 

II. Linguaggi tecnici, formali, espressivi e materici dell’opera di Mantegna

Marzia Faietti,
Andrea Mantegna e i segni dell’antico

Andreas Hauser,
Andrea Mantegnas Samson und Dalila. Ein “antikes” Kunstgenre als Präfiguration der Malerei?

Claudia Cieri Via,
Andrea Mantegna e la “geologia” artistica

Tobia Patetta,
Marmi, pietre e mattoni: città modernamente antiche di un conoscitore d’architettura?

Jozef Grabski,
Dignitas figurae. Andrea Mantegna: interrelazioni fra la scultura e la pittura

Marcello Ciccuto,
Temi di letteratura artistica per Andrea Mantegna, fra pittura e scrittura

 

III.  Intorno a Mantegna: La fortuna, contaminazioni , sopravvivenze

Vincenzo Farinella,
Mantegna e le "delizie" estensi

Fausta Gualdi,
Influssi mantegneschi sulla miniatura umbra

Stephen Campbell,
Mantegna e l’agiografia umanistica

Giovanna Baldissin Molli,
Quali gioielli per Mantegna? Lussi e ori padovani nella seconda metà del Quattrocento

Paola Venturelli,
Smaltisti milanesi intorno al 1500: fonti iconografiche. L’antico, Mantegna e gli altri (tra Lombardia e Roma)

Massimiliano Rossi,
Fortuna veneta di Mantegna nella Padova di metà Cinquecento

 

IV.       Riflessioni e  Prospettive di ricerca

Paola Marini,
La mostra di Verona e nuove prospettive di ricerca

Leandro Ventura,
A Mantova intorno a Mantegna

Daniela Ferrari,
Osservazioni sull'autografia di Mantegna

Giuseppe Basile,
Restaurare Mantegna

 

Appendice

Eugenio Battisti,
Mantegna as Humanist

 

Indice analitico

 

 


Vai alla pagina web dell'editore