Biografia dipinta. Plutarco e l'arte del Rinascimento, 1400-1550,
a cura di Roberto Guerrini,

La Spezia, Agorà Edizioni, 2002 ("Parádeigma", 1), pp. XXXII+428, 127 ill. b/n f.t.

 

La fortuna di Plutarco nel Rinascimento è ormai già ampiamente nota principalmente per l'ambito letterario: oggi conosciamo assai bene sia la fortuna dei suoi testi, con le numerose traduzioni in latino o in volgare, sia l'infuenza esercitata sulla letteratura, in particolare di carattere biografico, quattro-cinquecentesca. Nonostante il materiale prodotto dagli studi, piuttosto incolto alla ricerca risultava ancora il campo dell'influsso di Plutarco sulle immagini, il settore in cui ormai da circa vent'anni si muove il curatore di questo volume.

Fin dalle intenzioni dichiarate dal titolo, quindi, questo va considerato un libro impegnativo, perché si propone come un passaggio fondamentale nella conoscenza dell’influsso dei testi di Plutarco – in particolare delle Vite parallele – sull’arte rinascimentale, in forma di modello testuale per cicli di affreschi, xilografie e incisioni, arazzi, miniature, cassoni e mobili dipinti. La quantità di opere ispirate ai testi plutarchei è vasta e spesso sono opere difficilmente accessibili o conservate solo nelle memorie lasciate da tracce documentarie. Merito del libro curato da Guerrini è perciò già il tentativo di definire un corpus il più possibile esaustivo di quanto apparso tra 1400 e 1550. Si tratta di estremi cronologici apparentemente limitativi, ma in realtà propositivi e ampliabili in future, annunciate ricerche.

Il libro presenta studi già pubblicati, ma comunque rielaborati, e studi inediti, con l'intento di presentare il problema dell'influenza plutarchea nel modo più ampio possibile. Il punto di partenza è il concetto di biografia dipinta che deriva dalla struttura stessa dei testi di Plutarco. La biografia dipinta, con un chiaro sbilanciamento di carattere ideologico, si sostituisce progressivamente tra XV e XVI secolo alle serie di Uomini illustri di origine tardo-medievale. Le immagini di derivazione plutarchea solitamente costituiscono infatti degli exempla correlati al principato, poiché gli eroi e le loro virtù diventano modelli esemplari delle virtù del principe. Spesso la scelta del personaggio avviene su base onomastica, come accade – esempio tra tanti – nel caso di papa Paolo III (Alessandro Farnese), che predilige la figura di Alessandro Magno. Se un appunto si deve fare a questo eccellente lavoro, si deve osservare che maggiore spazio si dovrà dare alla futura ricerca sulle relazioni tra la scelta dei personaggi e le virtù che impersonano, soprattutto in rapporto alla contemporanea trattatistica politica.

Se il primo capitolo, il più denso soprattutto per le sue implicazioni  metodologiche, è ampiamente dedicato a tali questioni "biografiche", nel secondo si affronta la fortuna di Plutarco nelle incisioni e soprattutto nell'illustrazione libraria, un campo amplissimo che meriterebbe davvero un esame approfondito e possibilmente esaustivo. Nel terzo capitolo, poi, Cecilia Filippini presenta le miniature ispirate ai testi dello scrittore greco, con particolare riferimento alla fortuna della figura di Giulio Cesare. Marilena Caciorgna delinea poi il contesto entro cui maturò la prima edizione plutarchea del 1470. Un utile strumento di ricerca è infine il catalogo dei cicli biografici ispirati a Plutarco, presentati con veloci schede che forniscono le coordinate fondamentali delle opere, così come importante è il ricco repertorio iconografico, particolarmente prezioso per le opere poco note o di difficile accesso che vi sono illustrate.

Leandro Ventura
10 dic 2002


Indice

Cap. I
Roberto Guerrini
Biografia dipinta

Cap. II
Roberto Guerrini
Icone plutarchee. Illustrazioni da stampe delle Vite parallele in latino e in volgare

Cap. III
Cecilia Filippini
Plutarco istoriato: le Vite parallele nella miniatura italiana del Quattrocento e la morte di Cesare nei cassoni fiorentini

Cap. IV
Marilena Caciorgna
Immagini di eroi ed eroine nell'arte del Rinascimento. Moduli plutarchei in fronti di casone e spalliere

Appendice
Cicli biografici di storia antica nell'arte del Rinascimento (1500-1550)


Vai al sito web dell'editore