Gigetta Dalli Regoli,
L'attribuzione dell'opera d'arte. Itinerari di ricerca fra dubbi e certezze,
Pisa, Edizioni Plus, 2003, pp. 144, 88 ill. b/n, € 20.00.

 

 

Il recente volume di Gigetta Dalli Regoli si presenta come un agile punto di riferimento per quel che riguarda la metodologia attributiva. Certo, non possiamo cercare nel libro osservazioni relative ai soggetti e ai loro significati, ma troviamo abbondanti e spesso illuminanti considerazioni sulle questioni dello stile e della forma e soprattutto sul continuo "dubbio metodologico" che caratterizza l'opera di uno studioso che lavora in quest'ambito interpretativo.

Il volume si caratterizza per capitoli brevi e ricchi di esempi operativi dai quali emerge chiaramente come l'attribuzione sia oggi un terreno in cui gli studi si confrontano con sempre maggiore frequenza su specifici casi attributivi, senza tentare la ricostruzione di un ambiente culturale o artistico. Questa tendenza si lega sempre più alle esigenze del mercato che, ovviamente, per quantificare il valore ha bisogno esclusivamente di un nome e non di un contesto di riferimento.

I casi pratici raccolti dalla studiosa sono esempi importanti di un percorso interpretativo personale fondato sul continuo dubbio, sul confronto tra le opinioni proprie e le altrui, con una cautela e una capacità di rimettere continuamente in discussione le proprie ipotesi, che purtroppo spesso manca agli studiosi che lavorano sull'attribuzione dei dipinti. Come enunciato al termine del testo, infine, ciò che dal punto di vista del metodo viene sottolineato è che l'attribuzione è il risultato di un complesso processo interpretativo che tenga conto delle caratteristiche materiali e formali dell'opera, ma anche della documentazione disponibile, dell'iconografia, del contesto e del corpus dell'artista. Ciò che viene proposto, in definitiva, è l'ampliamento del percorso interpretativo, in una direzione che potrebbe consentire un proficuo e ampio confronto tra diversi metodi di studio.

Leandro Ventura
(17 ago 2004)

 


Indice

I. Premessa. L'identificazione di un autore è una priorità?

II. Rintracciare il "nome": un percorso suscettibile di correzioni, conferme, smentite

III. Le ragioni del mercato, il confronto con la ricerca d'archivio e con gli interventi di restauro

IV. La suggestione dei riscontri morfologici e la varietà dei registri interpretativi

V. Dai disegni ai dipinti: una strada a senso unico

VI. La sostituzione di un "nome" con un altro: forza o debolezza del profilo storico-critico

VII. Momenti di convergenza fra gli artisti, intreccio e scambio dei ruoli

Note

Bibliografia


Vai al sito web dell'editore