Luciano Colombo,
I colori degli antichi
Firenze, Nardini Editore, 2003 ("Arte e restauro"), pp. 200, 49 ill. col., € 25,00

 

Questo libro, inserito nell'ormai ricca serie di pubblicazione che Nardini ha dedicato e dedica al restauro, si propone come un vero e proprio repertorio della tecnica pittorica antica, da intendersi non solo in riferimento alle culture occidentali e mediterranee, ma con estensioni significative anche alle pitture indiana e precolombiana.

Il tema viene trattato con ampiezza e con approfondimenti tecnici importanti: oltre alla storia dell'uso dei colori da parte delle varie civiltà esaminate, il libro affronta i temi legati alla chimica dei colori e alla loro produzione, nonché al loro mercato. Tutto ciò avviene sia attraverso l'esame delle fonti scritte, sia attraverso lo studio delle opere, dalle pitture egizie agli affreschi romani, fino ai pittogrammi delle civiltà americane.

Pur non trattando argomenti legati alla civiltà del Cinquecento, il libro costituisce un utile supporto per sviluppare le conoscenze tecniche, necessarie (ma troppo spesso semi-sconosciute) allo storico dell'arte; così il testo può essere inteso come un ausilio importante alla ricerca, come manuale tecnico di riferimento, in attesa di pubblicazioni specifiche su temi più vicini ai nostri ambiti di studio.

Francesco Galterio
(12 set 2003)


Indice del volume

1.    L'antica necessità del colore

2.    I colori della preistoria

3.    I colori dei dei faraoni

4.    I colori del mondo greco-romano

5.    I colori dell'India antica

6.    I colori dei regni del Sole