Giorgio Marini,
I grandi disegni italiani del Museo di Castelvecchio a Verona

Cinisello Balsamo, Silvana Editoriale, 2000, pp. 280, ill. colori

 

Questo volume dedicato ai disegni italiani della raccolta del museo di Castelvecchio a Verona ha un merito evidente nel portare all'attenzione una delle collezioni di grafica meno note in Italia. Si tratta infatti di una raccolta che non vanta di antiche radici, poiché il nucleo più antico risale alla fine del Settecento ed è legato all'ambiente accademico. Attorno a questo gruppo originario di fogli raccolti con fini prevalentemente didattici, la collezione è andata crescendo con varie accessioni, fino al consistente lascito dei disegni realizzati da Carlo Scarpa per la ristrutturazione del castello veronese, tanto che oggi la civica collezione di disegni di Verona conta circa quattromila fogli.

Il saggio di Giorgio Marini, dedicato con ricche notizie alla costituzione della raccolta, segue le vicende delle collezioni private, ampiamente documentate a Verona tra XV e XVIII secolo, nonché la presenza del disegno utilizzato in ambito didattico presso l'Accademia di belle arti veronese fondata nel 1746, o le raccolte di disegni conservate presso alcune botteghe artistiche cittadine. Marini segue questi fili, fino al confluire di molti di questi fogli nelle collezioni cittadine e quindi nel Museo di Castelvecchio. Ulteriori approfondimenti sulle storie delle collezioni grafiche veronesi le troviamo nel saggio di Sergio Marinelli, che segue quello di Marini.

Il corpus di fogli di Castelvecchio che emerge da questo catalogo è senz'altro di primario interesse, con una buona percentuale di inediti, già tra gli ottanta fogli scelti per questa edizione, presentati con schede articolate e complessivamente esaurienti.

Guido Ponziani
(26 gen 2003)

 


Vai al sito web dell'editore