La Regione Veneto acquisterà un affresco di Veronese

 

La Giunta della Regione Veneto ha deliberato di esercitare il diritto di prelazione su un affresco di Paolo Veronese, attualmente in proprietà privata, staccato da villa Soranzo a Castelfranco prima della demolizione. L'opera raffigura Minerva tra la Geometria e l'Aritmetica e misura cm 190x284.

I proprietari hanno deciso di mettere in vendita l'affresco nello scorso mese di febbraio e l'opera, notificata fin dal 1986, è stata segnalata alla Regione dalla Soprintendenza Regionale ai Beni  e alle Attività Culturali. Lo stesso presidente della Regione, Giancarlo Galan, su proposta dell'assessore alla cultura, Ermanno Serrajotto, ha sposato l'iniziativa, così che, dopo aver disposto i necessari accertamenti tecnici, la giunta regionale ha deciso di esercitare il diritto di prelazione per l'acquisto dell'affresco, stanziando 206.000 euro. Si tratta della prima volta che la Regione Veneto fa uso di questo diritto, realizzato grazie ad una stretta collaborazione con le soprintendenze statali. L'opera sarà presentata a palazzo Balbi e poi destinata ad una sede del territorio.

L'affresco fa parte della decorazione di villa Soranzo costruita entro il 1551 a Treville di Castelfranco da Michele Sammicheli che chiamò a lavoravi Paolo Veornese e Giovan Battista Zelotti. Nel 1815, pochi anni prima della demolizione della villa (1818), la decorazione affrescata fu interamente staccata in 118 frammenti e per la maggior parte andò dispersa. Una decina di  pezzi sono però oggi conservati a Castelfranco (Duomo) e forse sarebbe opportuno decidere che l'affresco che verrà acquistato dalla Regione vada a riunirsi ad essi.

(LeV)
19 mar 2002