I monumenti dell'Assistenza

 

Un calendario stagionale regolerà la riapertura a Venezia della Sala della Musica presso la chiesa dell'Ospedaletto e dell'Oratorio dei Crociferi, due importanti "monumenti dell'assistenza" nella storia della città. L'IRE ne ha affidato la gestione all'Associazione no profit Sant'Apollonia, che opera dal 1994 per la tutela e la valorizzazione dei Beni Culturali nel Patriarcato di Venezia. 

LA SALA DELLA MUSICA PRESSO LA CHIESA DELL'OSPEDALETTO - Venezia, Castello 6691, barbaria de le tole
Nota solitamente a pochi raffinati musicologi, che ne apprezzano la storia legata all'attività di famosi musicisti o agli appassionati delle ariose pitture parietali del Settecento veneziano. Insieme alla chiesa dell'Ospedaletto, dotata della fantasiosa facciata del Longhena, fu famosa per la tradizione musicale dei cori delle fanciulle orfane educate da valenti maestri.

Aperta tutto l'anno:
Giov.-Ven.-Sab. 15.30-18.30
Aperture straordinarie su prenotazione
Ingresso  2,00 EUR con visita guidata

L'ORATORIO DEI CROCIFERI -Venezia, Cannaregio 4905 , campo dei Gesuiti
L'Oratorio, di proprietà dell'IRE, l'ente pubblico che gestisce servizi per anziani e minori, fa parte dei monumenti della carità veneziana, luoghi un tempo retti da confraternite di nobili e borghesi. L'Ospizio, di cui l'Oratorio parte, fu probabilmente fondato verso la metà del XII secolo, da un piccolo gruppo di frati dell'Ordine dei Crociferi proveniente da Roma, che svolse a Venezia una funzione sociale altamente utile nel campo dell'assistenza ai malati e dell'ospitalità dei pellegrini. Fondato probabilmente intorno alla metà del XII secolo, nel corso del Cinquecento l'oratorio subì varie ristrutturazioni che culminarono nella decorazione affidata a Jacopo Palma il Giovane (1583-92), il quale raffigurò con forte realismo le vicende legate alla storia dell'ospedale e dell'Ordine ed alcuni momenti della tradizione cristiana, cui costoro erano particolarmente devoti.

Al programma iconografico dell'Oratorio dei Crociferi è dedicato il contributo di Michele di Monte, "Vincenzo Morosini, Palma il Giovane e il ritratto di gruppo veneziano", pubblicato nel n. 13 di Venezia Cinquecento.

Apertura da Aprile a Ottobre:
Ven. 10.00-12.30
Sab. 15.30-19.30

Ingresso 2,00 EUR con visita guidata.

Informazioni:
Associazione sant'Apollonia
asa@patriarcato.venezia.it
San Marco 320/a - 30124 Venezia
tel. 0412702464

fax 0412702458

(Claudia Terribile)
11 apr 2002