Globi celesti e terrestri a Venezia

 

Dal prossimo 29 settembre al 29 febbraio 2008 il Museo Correr ospiterà la prima mostra dedicata in Italia esclusivamente ai globi, un tema affascinante sia dal punto di vista storico-artistico, sia da quello dell’evoluzione scientifica.

Curata da Marica Milanesi e Rudolf Schmidt, presenta centoquarantadue opere, provenienti dal Museo Correr, dalla Biblioteca Nazionale Marciana e da collezioni private importanti. Tra i punti di forza della mostra è l’eccezionale scoperta di Marica Milanesi nella collezione Correr dell’unico esemplare montato esistente al mondo di un prezioso e rarissimo globo cinquecentesco del cartografo Livio Sanudo (1520-1576) che si credeva perduto.

Il principale protagonista della mostra è tuttavia il frate veneziano Vincenzo Coronelli (1650-1718), geografo, cartografo, inventore, editore e uno dei più famosi costruttori di globi del XVII secolo. Strumenti scientifici e macchine, i suoi globi, generalmente in coppia (celeste e terrestre), ornavano le biblioteche di monasteri, di studiosi, di principi e sovrani.
Il percorso espositivo presenta inoltre altri esemplari, opere a stampa e congegni diversi ed è arricchito da materiali multimediali realizzati in collaborazione con il CIRCE-IUAV.

La mostra si realizza in concomitanza con l’XI simposio della Internationale Coronelli - Gesellschaft fuer Globen- und Instrumentenkunde  (Venezia, Ateneo Veneto, 28/29 settembre 2007). Il catalogo è pubblicato da Electa.

Red.
(20 settembre 2007)


Ulteriori informazioni